/ Marzo 6, 2017/ Libro

Letto in: Glen Duncan, “l’Ultimo lupo mannaro”, Isbn edizioni, Milano, 2011.

[Pubblicato per la prima volta nel 2011, 474 pp ].

In estrema sintesi:
★★★☆

Jacob è un lupo mannaro ed è l’ultimo della sua specie.
Qui la bestia divora, dilania, brucia, facendo scempio delle proteste di suo “fratello” – e dei lettori dallo stomaco debole – da quasi due secoli. La fame, la sete e la lussuria sono spinte sufficienti alla sopravvivenza del wulf, ma all’uomo serve altro per guardare al domani: qualcosa o qualcuno per cui valga la pena vivere. Sempre che non voglia sperimentare l’estinzione, s’intende. La vita di un solo essere umano – come scrive Ungaretti nella sua “Soldati” – può cadere come cadono le foglie dagli alberi, ma una creatura
dotata di zanne e artigli può, e deve, fare molto più rumore. E questa è la storia che Glen Duncan ha deciso di raccontare.

Indicazioni varie:

  1. Questo titolo è il primo di una trilogia, ma ho ragione di credere che la Isbn abbia tradotto e pubblicato solo i primi due volumi.
  2. Il lingua originale è pubblicato come “The last werewolf”.
  3. La prosa di Duncan è squisitamente colorita.
  4. Non consiglio la lettura di questo libro ai CioFini o a chi non gradisca rappresentazioni vivide e puntuali di sangue e sesso, anche combinati.
  5. Ha un finale vero e proprio quindi può essere letto senza dover correre all’acquisto dei seguiti.
  6. Inserito nella reading challenge 2017 come libro che mi aveva incuriosita online [ ne parlò @fredfrez in un suo video books].
  7. In apertura al post troverete una delle citazioni che ho preferito.
  8. La grafica della copertina dovrebbe essere a opera di Alice Beniero, io l’ho presa e ne ho fatto l’immagine di apertura di questo post.

L'ultimo lupo mannaro

Share this Post