/ Agosto 28, 2014/ Senza categoria

image

Buongiorno miei affezionatissimi, 

dopo un po’ d’attesa eccomi con una recensione riguardante il mondo dei fumetti, spero vi possa essere utile!

image

 Copertina del numero 26

 Recensione alla luce dei volumi 1-27 di Wolverine e gli X-Men, Panini Comics 

Questa testata è la mia finestra sul mondo Marvel, non seguo più le altre testate se non sporadicamente, è molto più facile che io acquisti qualche albo auto-conclusivo. Ho scelto questa un paio di anni fa ormai, più o meno con l’avvento di “Marvel Now!” di cui vi facevo cenno in qualche vecchio post (per farvela breve si è trattato di un finto reboot in modo da far ripartire i fumetti dal numero 1, come se si fosse ritornati alle origini, in realtà nella maggior parte dei casi si sono limitati a stampare un numero uno sulla copertina e a riprendere la numerazione da lì).
Un po’ come per la rubrica MARVEL per babbani  insieme alle mie opinioni su questo arco narrativo vediamo in cosa consiste questa testata e perchè ho scelto proprio questa.
L’indecisione era tra:

  • Devil e i cavalieri marvel
  • Thor
  • Una qualsiasi testata degli X-Men
  • Wolverine

Devil è sempre stato uno dei miei personaggi Marvel preferiti e la nuova testata Devil e i cavalieri Marvel che prevedeva il Punitore e Ghostrider a fianco del diavolo cieco di

Hell’s Kitchen

prometteva bene anche prima che l’

Eisner Award*

lo confermasse. Thor in genere resta estraneo alle vicende di molte altre testate e quindi oltre ad essere un dio vichingo è anche più semplice da seguire; ha il grande pregio di non ospitare Spiderman ad Asgard per dire. Il lettering poi è sempre stato un punto a suo favore.

image

Per farvi capire meglio eccovi un esempio, vedete?Gli Asgardiani “parlano” con un font diverso rispetto ai mortali.

image

Variant Cover del #1 by Scottie Young

Infine gli X-Men allora e tutt’ora divisi in diverse testate più o meno coinvolgenti, rappresentavano le ultime testate che avrei potuto seguire; il discriminante è avvenuto con l’evento Scisma e con le scelte discutibili di Ciclope,

“Cyclops was right” un-paio-di-palle. Wolverine da solo per la giungla lo trovavo un po’ sottotono rispetto al Wolverine alle prese con i suoi compagni più civilizzati da qui la mia scelta: Wolverine e gli X-Men dove non c’è spazio per Summers, ma trovano spazio Bestia e Tempesta con il coinvolgimento delle belle storie dedicate alla X-Force, insomma:un vero jackpot. Per di più si trattava di una testata relativamente nuova quindi anche in libreria avrebbe avuto più senso avere numeri a 2 cifre piuttosto che partire da un numero 250, ecco.

Nonostante gli autori non siano sempre gli stessi (come nel caso di qualsiasi testata Marvel) Wolverine e gli X-men si distingue dal resto per un elemento: il suo technicolor fatto di crack. I colori di questi spillati sono pazzeschi e insieme ai continui viaggi spazio-temporali rendono l’intera testata simile al trip di JB (Jack Black) in Tenacious D, sì quello con il Sasquatch e i funghetti. Vi lascio il video preso da Youtube nel caso che non abbiate presente cosa intendo.

Ciò nonostante sono soddisfatta della mia scelta, è un fumetto irriverente, colorato e che non la manda a dire, proprio come il suo protagonista e la maggior parte degli altri suoi personaggi. I viaggi nel tempo e la presenza di molti dialoghi rendono alcune tavole un po’ caotiche, ma le vicende di Logan e compagni restano più interessanti della maggior parte del resto della continuity Marvel; pecca anche di trovate infelice e di qualche caduta di stile un po’ grottsca, non è certo una pietra miliare del fumetto americano, ma si rialza e torna a combattere come il nostro amico dallo scheletro in adamantio. Ci sono giorni che vorrei interrompere anche questo fumetto e lasciar perdere la Marvel, anche perchè negli ultimi anni preferisco altre storie a quelle con i super-eroi e quando si tratta di tizi in calzamaglia DC Comics ultimamente regala più soddisfazioni. Ma…Sarò sempre legata ai supereroi Marvel, e non potrei ignorarli neanche se volessi vista la grande presenza sul grande schermo dei loro cinecomics (a cui ho fatto cenno nel post precedente), ma al momento mi trovo bene a gestirlo da una sola finestra, mi fa arrabbiare meno e rende più sostenibile la mia casella fumetti; per come stanno andando le testate negli ultimi anni  il mio consiglio per voi Babbani è sempre lo stesso: NON seguite troppe testate, la qualità degli albi non è alta e in generale cercare di seguire la casa delle idee nel suo complesso è impossibile.

Scegliete una finestra da cui guardare questo panorama, perchè cercando di saltare da una finestra all’altra di un grattacielo…non ne uscirete vivi.

In sintesi numerica: 6 – 7 

(credo che sia impossibile dare un voto unitario a una serie in continua evoluzione e con diversi autori come in questo caso)
 
E voi cosa mi dite? Lo state seguendo o comunque avete provato a salire sul treno Marvel dopo le mie brevi dritte su “Marvel per babbani”? Fatemi sapere.

La vostra affezionatissima,
L.   

*Per chi non lo sapesse nel mondo del fumetto si tratta dell’equivalente dell’oscar per il mondo del cinema, è un grande riconoscimento che viene assegnato annualmente, su Wikipedia o sul sito originale potrete trovare l’elenco dei vincitori di ogni categoria per ogni anno da quando è stato istituito, è un ottimo modo anche per chiarirsi le idee su quanto siate o meno a conoscenza del mondo del fumetto in generale.

Share this Post